14.04.17 Italia Oggi – Ddl elezioni forensi, attenzione alla Camera

Plauso unanime dell’avvocatura all’approvazione, da parte del Senato, del ddl Falanga sulle nuove elezioni forensi. Soddisfazione ma anche attenzione all’iter del provvedimento alla Camera, tenendo conto del fatto che ci sono voluti circa sei mesi per l’approvazione da parte della commissione Giustizia di Palazzo Madama (si veda ItaliaOggi di ieri). Per giunta, utilizzando lo strumento della sede deliberante per accelerare il cammino di una legge necessaria per sbloccare la situazione di ben 49 consigli dell’Ordine degli avvocati che sono ancora in prorogatio. Senza contare i due ordini commissariati dopo l’annullamento delle elezioni da parte della Cassazione. L’ufficio di coordinamento dell’Organismo congressuale forense, per il tramite del tesoriere, Alessandro Vaccaro, esprime «grande approvazione per il passo svolto. La situazione stava diventando oramai insostenibile. Sul merito, ferme restando le riserve già espresse, si è comunque soddisfatti che stia arrivando a breve una legge dello stato che risolva l’impasse che oggi blocca ancora 49 Coa, che sono ancora in prorogatio, e soprattutto che dia un orizzonte temporale di riferimento a quelli per cui è stato disposto il commissariamento. Speriamo quindi arrivi al più presto l’approvazione defi nitiva in quanto alcuni ordini stanno e stavano già procedendo con autonomi regolamenti». Soddisfatta anche l’Associazione nazionale forense, perché il ddl «traduce in norme dell’ordinamento giuridico valori e principi per i quali si è spesa, dapprima, in sede di formazione del regolamento poi annullato evidenziando tutte le criticità oggi superate», afferma il segretario generale, Luigi Pansini, «poi, in sede giudiziaria, dinanzi al Tar e al Consiglio di stato, chiedendo addirittura l’ottemperanza della sentenza dei giudici amministrativi. Infine, nel confronto con il ministro per la soluzione normativa da questi proposta, sostenendola senza mai cambiare idea e nonostante le forti pressioni di alcuni ordini circondariali per nuove regole fortemente antidemocratiche». «L’auspicio, ora, è che anche la Camera proceda rapidamente all’approvazione», conclude Pansini. Anche il presidente dell’Aiga, Michele Vaira, esprime soddisfazione. «Avevamo da tempo sollecitato la necessità di intervenire», afferma, «in un campo vitale per l’essenza democratica delle nostre stesse istituzioni, qual è quello rappresentato dai nostri Consigli dell’ordine, e siamo soddisfatti dell’avvenuta approvazione del ddl Falanga sul regolamento elettorale forense, che speriamo prosegua solertemente in tempi brevi anche nel proseguo dell’iter parlamentare che conduce alla sua defi nitiva approvazione. Il testo approvato in Senato, tra l’altro», conclude Vaira, «accoglie in pieno le osservazioni formulate da Aiga in occasione di un’audizione tenutasi presso la Commissione giustizia del Senato della repubblica, presieduta dal presidente, Nico D’Ascola, nel mese di settembre del 2016».

Gabriele Ventura