22.05.15 Eco di Bergamo – Società e diritto. All’ex Borsa Merci avvocati a convegno

Con una tavola rotonda per discutere del tema «Quale società, quale diritto», è iniziato il VII congresso dell’Associazione nazionale forense (Anf), che proseguirà fino a domenica in città.

Il dialogo ha visto centrali le domande lanciate dall’avvocato Andrea Noccesi (del direttivo nazionale Anf) su «quale Stato di diritto sia oggi realizzabile concretamente in Italia; per realizzare questo Stato di diritto quale organizzazione della giurisdizione sia più consona e quale sia il ruolo dell’avvocatura in questo stato di diritti».

Voci autorevoli

Al tavolo, si sono confrontate le voci autorevoli di Andrea Moltrasio (presidente Consiglio di sorveglianza Ubi banca), Anna Canepa (nella Giunta Anm e segretario generale Md), Luigi Pannarale (ordinario di Sociologia del diritto, dell’Università di Bari), Ermanno Baldassarre (presidente dell’Ordine degli avvocati di Bergamo) e Ester Perifano (segretario generale Anf).

Il Congresso Anf prosegue oggi presso la Sala Mosaico dell’ex Borsa Merci (che ospiterà i lavori fino a domenica).

Questa mattina alle 9 ci sarà la relazione del segretario generale Anf, e dalle 10 alle 13 si discuterà del tema «Dentro e fuori dalla giurisdizione: processo e sistemi alternativi di risoluzione delle controversie. Razionalizzazione dell’organizzazione amministrativa dei tribunali: buone prassi e gestione manageriale della giustizia».

Dalle 15 alle 19 si approfondirà «L’internalizzazione della professione forense: criticità e prospettive. La formazione universitaria e post universitaria a sostegno dell’avvocato globale». Domani mattina si inizia con «L’organizzazione degli studi legali: gestione manageriale, marketing e nuove forme, anche societarie, per l’esercizio della professione» e si prosegue nel pomeriggio con «Prospettive di riforma dell’ordinamento forense per l’avvocatura del futuro». Infine, domenica mattina si concludono i lavori con l’approvazione delle mozioni politiche e l’illustrazione e la votazione delle proposte di modifiche statutarie.

L’ARTICOLO SULLE PAGINE DEL GIORNALE

 

ALESSANDRA LOCHE