22.07.14 Il Sole 24 Ore – Arretrato, selezione per 400 ausiliari

Il ministro della GiustiziaAndrea Orlando, ha firmato ieri il decreto per la selezione di 400 giudici ausiliari presso le Corti di appello, «un significativo aumento di organico per rafforzare l’efficienza delle Corti anche nello smaltimento dell’arretrato». Lo rende noto il ministero, specificando che possono partecipare alla selezione i magistrati ordinari, contabili e amministrativi e gli avvocati dello Stato, a riposo da non più di tre anni, ma anche i magistrati onorari che non esercitino più, ma che abbiano esercitato con valutazione positiva la loro funzione per almeno cinque anni; i professori universitari in materie giuridiche di prima e seconda fascia, anche a tempo definito o a riposo da non più di tre anni; i ricercatori universitari in materie giuridiche; gli avvocati, anche se cancellati dall’albo da non più di tre anni; i notai, anche se a riposo da non più di tre anni. 
Il provvedimento permette di sbloccare l’impasse di uno degli strumenti messi in campo dal Governo Letta per dedicare allo smaltimento dell’arretrato una pattuglia di giudici da retribuire in proporzione alla produttività.
I posti nel bando riguardano 26 Corti d’Appello: Ancona, Bari, Bologna, Brescia, Cagliari, Caltanissetta, Campobasso, Catania, Catanzaro, Firenze, Genova, L’Aquila, Lecce, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Potenza, Reggio Calabria, Roma, Salerno, Torino, Trento, Trieste e Venezia. La domanda di partecipazione, disponibile dal giorno della pubblicazione del provvedimento in «Gazzetta Ufficiale», potrà essere compilata ed inviata in via telematica direttamente dal sito del Consiglio superiore della magistratura(www.csm.it).