30.09.14 Italia Oggi – Avvocati, nuovo welfare

Agevolazioni per l’accesso al credito fi nalizzato all’avviamento dello studio professionale. Organizzazione anche in collaborazione con altre istituzioni di corsi qualifi canti; borse di studio per acquisire il titolo di specialista. Con un regolamento che sarà presentato al Congresso nazionale forense di Venezia della prossima settimana, l’ente di previdenza degli avvocati cerca così di dare agli under 40 degli aiuti in grado di migliorare le condizione professionali di quanti per via della crisi (economica e professionale) hanno redditi molto bassi. La stessa Cassa Forense, in occasione dell’entrata in vigore del nuovo regolamento dei minimi contributivi (il 21 agosto 2014), analizzando i redditi di una platea di 50 mila soggetti ha stimato una media reddituale di circa 3 mila euro l’anno che si contrappone a quella ben più alta di circa 47 mila euro di tutti gli altri iscritti alla Cassa. Il regolamento, di cui ItaliaOggi ha preso visione, riorganizza tutta la materia prevedendo diverse misure (si veda tabella) e dovrebbe entrare in vigore il primo gennaio successivo all’approvazione da parte dei ministeri vigilanti.

Il regolamento in pillole

Prestazioni in caso di bisogno a) individuali; b) a favore di pensionati di vecchiaia a carico della Cassa con età > a 80 anni; c) a favore di pensionati titolati di pensione con 70 anni compiuti ma invalidi civili al 100% Prestazioni a sostegno della famiglia a) erogazioni in caso di familiari non autosuffi cienti; b) borse di studio per gli orfani degli iscritti; c) borse di studio per i fi gli degli Iscritti; d) altre provvidenze a sostegno della genitorialità Prestazioni a sostegno della salute a) copertura, con onere in carico alla Cassa di gravi eventi morbosi/grandi interventi chirurgici; b) convenzioni con case di cura, istituti termali, cliniche odontoiatriche; c) interventi di medicina preventiva; d) polizze «long termcare»/polizze infortuni; e) convenzioni per l’attivazione di prestiti ipotecari vitalizi Prestazioni a sostegno della professione a favore della generalità degli iscritti a) assistenza indennitaria; b) convenzioni per agevolare/ridurre i costi di esercizio della professione; c) assistenza in caso di catastrofe/calamità naturale; d) agevolazioni per l’accesso al credito; e) agevolazioni per la concessione di mutui; f) agevolazioni per l’accesso al credito mediante cessione del quinto della pensione Prestazioni a sostegno della professione a favore della generalità degli iscritti a) agevolazioni per l’accesso al credito fi nalizzato all’avviamento dello Studio professionale; b) organizzazione anche in collaborazione con altre Istituzioni di corsi qualifi canti, organizzati o accreditati dalla Cassa, anche tenuti in via telematica destinati all’acquisizione di tecniche per la promozione delle competenze, anche in nuovi campi, non esclusa l’organizzazione dello Studio; c) borse di studio per l’acquisizione del titolo di specializzazione Prestazioni per spese funerarie rimborso erogato a favore dei prossimi congiunti dell’iscritto deceduto