Compensi avvocati, sulla pubblicità chiarezza al top

Italia Oggi, di Gabriele Ventura

Alla pubblicità degli avvocati è imposta la maggior chiarezza possibile. Soprattutto quando di mezzo ci sono i compensi. L’espressione «prima consulenza gratuita», in particolare, di per sé non chiarisce i limiti dell’offerta del servizio da parte dell’avvocato, esponendo il cliente, inconsapevole della natura della prestazione, se nel merito oppure orientativa, al rischio di dover poi pagare la parcella. Sono alcuni principi che emergono dalla sentenza del Consiglio nazionale forense che ha di fatto chiuso l’annosa vicenda che riguardava il primo studio legale su strada Alt (Assistenza legale per tutti), che ha poi cambiato il nome in Al Assistenza legale, annullando il provvedimento disciplinare adottato dall’Ordine degli avvocati di Milano, contro il quale aveva presentato ricorso il cofondatore Cristiano Cominotto. In particolare, secondo il Coa di Milano, la dicitura «Alt» rappresenterebbe «un perentorio invito al passante a fermarsi ed entrare nei locali dove si svolge attività legale», costituendo quindi «una modalità non conforme a dignità e decoro di captazione di clientela». A parere del Cnf, però, «a fronte di un sistema di comunicazioni che indirizza ai cittadini un continuo flusso di messaggi», non si può ritenere che l’acronimo Alt, «possa avere particolare efficacia persuasiva tanto più perentoria». In virtù di questo, la sentenza specifica come le modalità utilizzate «non pongano in essere alcuna violazione delle norme deontologiche». La vicenda che riguarda il primo negozio di assistenza legale su strada, nato sull’onda delle liberalizzazioni introdotte dal decreto Bersani del 2006, ha inizio nel 2009, quando il Coa di Brescia sanzionò la presunta infrazione delle norme deontologiche. Nel 2010, venne dichiarata dalla Corte di Cassazione la competenza territoriale del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Milano a decidere nei confronti di Cominotto, mentre veniva confermata la sanzione della censura nei confronti dell’altro cofondatore, Francesca Passerini, inducendo lo studio a cambiare nome da «Alt» ad «Al assistenza legale». Il Coa di Milano, nel 2012, sanzionava Cominotto con la censura, contro la quale venne presentato ricorso al Cnf. La dicitura «prima consulenza gratuita», secondo il Cnf, se da un lato «è in se stessa tale da non chiarire i limiti dell’offerta», dall’altro lato «non sono stati acquisiti elementi per valutare se in concreto l’attività dello studio si svolgesse, in rapporto alla richiesta di consulenza gratuita, con modalità tali da indurre in inganno il richiedente o se fosse condotta in modo corretto».