GIUSTIZIA; ASSOCIAZIONI FORENSI: MINISTRO ORLANDO INTERROMPA ITER DDL PROCESSO PENALE, RIFORMA NON ASSICURA PRINCIPI DEL GIUSTO PROCESSO

“Le Associazioni Forensi ANF (Associazione Nazionale Forense), AIGA (Associazione Italiana Giovani Avvocati) e MF (Movimento Forense) chiedono al Ministro della Giustizia Andrea Orlando di interrompere immediatamente l’iter di approvazione del DDL di riforma del processo penale. Molteplici sono le criticità sia sotto il profilo dell’approccio metodologico che ha caratterizzato l’iter di elaborazione e di approvazione del DDL, sia con riferimento a numerosi aspetti sostanziali del DDL: in particolare, e fatte salve le modifiche proposte in tema di ordinamento penitenziario, sono da censurare numerosi ambiti di intervento della riforma, tra i quali quello della disciplina dell’avocazione, della prescrizione, del processo a distanza, del rito abbreviato, delle norme in materia di impugnazione”.

Così il segretario generale di ANF  Luigi Pansini e i presidenti di   AIGA Michele Vaira e Movimento Forense Massimiliano Cesali al termine del convegno “La riforma della giustizia penale. Avvocatura magistratura e accademia in difesa del giusto processo”, tenutosi a Brindisi nei giorni scorsi.

“L’Avvocatura – continuano –  esprime forte contrarietà alla riforma, in quanto non assicura i principi del giusto processo e la grave violazione dei diritti fondamentali dell’imputato. Inoltre stigmatizziamo il mancato intervento del Legislatore su numerosi aspetti fondamentali, pur meritevoli di riflessione e revisione (tra i quali il sistema delle confische e la necessità di disciplinare in chiave maggiormente garantista l’utilizzo di uno strumento investigativo estremamente invasivo come quello dei cc.dd. captatori informatici), risolvendosi così il DDL in un’occasione perduta di riforma organica”.

 

Roma 4 maggio 2017