Partiti e movimenti politici attingono dal mondo dell’avvocatura per completare le loro squadre

ItaliaOggi Sette

Molti gli avvocati che, anche in questa tornata elettorale, hanno deciso di scendere nell’agone. Tra quelli con maggiore esperienza politica, la regina delle candidature spetta certamente alla penalista Giulia Bongiorno (Lega Nord), già presidente della commissione giustizia della Camera, che si presenta per il partito di Matteo Salvini in diverse circoscrizioni elettorali. Altro nome di spicco è quello di Cristina Rossello, esperta di diritto societario, bancario e dei valori mobiliari, candidata in quota Forza Italia per la coalizione di centrodestra nel collegio uninominale Milano 1. La Rossello è salita alle cronache per la difesa di Silvio Berlusconi nel processo di separazione da Veronica Lario, ma anche per i suoi incarichi professionali: è stata vice presidente di Veneto Banca (carica che assunse sul fi nire del 2015), segretario del Patto di sindacato di Mediobanca spa e consigliere di amministrazione di Arnoldo Mondadori Editore spa da aprile 2012. Sempre a Milano, ma sul fronte del Pd, subito dopo il capolista nel collegio plurinominale di Milano 3, Emanuele Fiano, spicca il nome di Lisa Noja, partner di Pedersoli, avvocato iscritto anche al New York Bar e specializzata nel controllo delle concentrazioni (a livello nazionale e comunitario) e in procedimenti riguardanti intese anticoncorrenziali, abusi di posizione dominante e pratiche commerciali scorrette. In corsa, nel capoluogo lombardo, anche il direttore dell’Ordine degli avvocati, Carmelo Ferraro, dirigente della pubblica amministrazione ma non avvocato, che si candida nelle fi le di Forza Italia. Restando su Milano per il centrodestra si ricandida Mariastella Gelmini, avvocato prestato alla politica ed ex ministro dell’istruzione, e Ignazio la Russa, Fratelli d’Italia, avvocato. Sul fronte di centrosinistra – candidato al Senato nel collegio di Varese, Como, Lecco e Sondrio – si presenta per un secondo mandato con il Pd Roberto Cociancich, avvocato milanese specializzato in diritto commerciale e societario e diritto dell’energia, partner dello Studio Crea: «È importante impegnarsi anche come professionista e avvocato per rafforzare la difesa dei diritti non solo civili ma anche sociali e politici. Tenere l’Italia nel novero dei Paesi che guidano l’Europa e ne orientano i valori verso una più forte cittadinanza attiva. Contro le derive autoritarie e populiste interne ed esterne alle Ue, riaffermare la cultura del diritto e la tutela dei diritti umani», spiega. Sempre a Milano, da segnalare Laura Ravetto, avvocato, candidata per forza Italia a Como. Prima di entrare in politica la Ravetto ha lavorato nello studio legale Pavia Ansaldo a Milano poi come direttore affari legali presso la fi liale italiana della multinazionale farmaceutica Schering Plough. Il marito Dario Ginefra, avvocato anch’egli, correrà invece per il Pd, corrente del presidente della regione Puglia Michele Emiliano al Senato nelle circoscrizioni di Bari, Battipaglia e Foggia. Cambiando area geografi ca, nel Lazio spicca – seppure con una certa sorpresa, soprattutto da parte degli iscritti della capitale – il presidente dell’Ordine degli avvocati di Roma e Consigliere della Camera di commercio di Roma, Mauro Vaglio, attratto dalle sirene del Movimento 5 Stelle: «Secondo la Costituzione italiana non è compito del cittadino dimostrare la propria innocenza, ma dell’accusa dimostrare la sua colpevolezza. Basta, quindi, con la presunzione di colpevolezza con la quale il Fisco costringe il cittadino a difendersi e a vivere situazioni terribili che talvolta hanno persino prodotto dei suicidi. Ogni contribuente deve essere considerato onesto fi nché non sia stato dimostrato il contrario. Aboliamo davvero Equitalia, ora Agenzia delle entrate riscossione, ma soprattutto superiamo la mentalità che l’ha creata» il suo commento sui temi fi scali. Sempre a Roma, Nunzio Luciano, avvocato e presidente della Cassa forense, si è candidato per Forza Italia al Senato nel Collegio proporzionale del Molise. Per Forza Italia si è candidata anche Marzia Ferraioli, docente di procedura penale all’Università Tor Vergata di Roma. Giusi Bartolozzi, gip presso il tribunale di Civitavecchia, la compagna di Gaetano Armao, attuale vicepresidente della regione Sicilia e in quei giorni possibile candidato presidente di Forza Italia, sarà la capolista per Fi ad Agrigento mentre cerca il bis la deputata Anna Grazia Calabria, praticante legale presso la sede romana dello studio legale Allen & Overy. In Campania spicca il nome dell’avvocato Luigi Cesaro, parlamentare uscente, ex Psi ed ora capolista al Senato per Forza Italia nel collegio che comprende parte delle province di Napoli e Salerno. A Firenze, città di Matteo Renzi, l’ex collega di partito Nicola Cecchi, avvocato specializzato in diritto commerciale e diritto internazionale privato, con solida esperienza internazionale soprattutto in America Latina, attualmente vicepresidente vicario dell’Associazione Toscani nel mondo, salta la barricata e sceglie i 5 Stelle. Spostandoci a Est, per la precisione nella laboriosa provincia di Brescia, Forza Italia si gioca la carta dell’avvocato Adriano Paroli, ex sindaco di Brescia mentre il Pd quella del collega Alfredo Bazoli, nipote del celebre presidente di Intesa San Paolo Giovanni, è specializzato in diritto societario, bancario e amministrativo. In Veneto – va da sé – Forza Italia schiera l’avvocato Niccolò Ghedini. Nel Veronese spiccano i nomi dell’avvocato Roberto Bussibello, candidatosi al Senato per Casa Pound e per la Camera quello di Mirco Ghirlanda, popolo della famiglia. A Roma spicca la candidatura per lo stesso movimento di estrema destra di Augusto Sinagra, docente di diritto dell’Unione europea presso l’Università La Sapienza, passato alle cronache per essere stato il difensore di Licio Gelli. A Milano, infine, si candida Gabriele Leccisi, penalista, ex Fiamma Tricolore, condannato a 1 mese e 10 giorni (pena sospesa) per il saluto romano nell’aula del consiglio comunale di Milano. A Imperia, il partito di Berlusconi schiera Piera Poillucci, avvocato animalista, titolare dello studio legale degli Avvocati Piera Poillucci e Tania Di Marcoberardino. Specializzato in assistenza legale, sia giudiziale sia stragiudiziale, nel campo del diritto civile, diritto di famiglia, diritto penale e diritto amministrativo, è – per sua stessa ammissione – particolarmente sensibile alla tutela dei diritti degli animali e, in particolare, degli «amici a quattro zampe». La Brambilla di ponente, verrebbe da dire. In Piemonte il Pd gioca la carta dell’avvocato pesarese Lucia Annibali, paladina della lotta contro lo stalking e la violenza di genere, mentre provincia di Cuneo si è candidata Fabiana Dadone, di Mondovi, deputato uscente dei 5 Stelle, praticante legale presso lo studio dell’avv. to Cinzia Gallo nel collegio Piemonte 2 – plurinominale 1 della Camera dei Deputati. Infi ne, in Sardegna spicca il nome di Gabriele Satta, avvocato penalista, presidente Camera penale di Sassari dal 2011, candidatosi per Forza Italia.