PREVIDENZA;ANF: 56MILA AVVOCATI ISCRITTI ALLA CASSA FORENSE RISCHIANO DI ESSERE IN MORA CON L’INPS. MASSIMA ATTENZIONE SU BILANCIO 2014

“La scelta di Cassa Forense, bocciata dal Ministero del Welfare, di far decorrere l’iscrizione obbligatoria da febbraio 2013  per i  circa 56mila avvocati che erano iscritti alla gestione separata dell’Inps o che non avevano mai versato nulla, rischia di pesare sulle spalle dei professionisti che, oggi, non sanno che fare per regolarizzare la loro posizione. Questa situazione di incertezza  rischia di tradursi in un ulteriore aggravio per tanti avvocati, che spesso non sono solo giovani all’inizio del loro percorso lavorativo. ”. Lo dichiara Ester Perifano, segretario generale dell’Associazione Nazionale Forense, dopo aver preso atto della lettera di osservazioni (con richiesta di modifiche) inviata dal ministero del Lavoro, di concerto con il Ministero della Giustizia e dello Sviluppo Economico sulla proposta di regolamento attuativo per l’applicazione dell’articolo 21 della nuova legge forense (obbligo di iscrizione all’albo e alla Cassa).

“La decisione del Ministero del Lavoro – continua –  conferma quanto abbiamo sempre detto sull’argomento, e cioè che le indagini attuariali, poste a base delle decisioni, erano insufficienti. Il Ministero chiede correttamente previsioni endoregolamentari, che prendano atto, entro tempi prestabiliti,al massimo un anno dall’approvazione del Regolamento, delle mutate condizioni della platea degli assicurati.  Ora questo allungarsi dei tempi, preoccupa anche sotto il profilo della regolarità contabile : quello del 2013 è stato approvato considerando introiti che, per effetto del parere ministeriale, oggettivamente non sono iscrivibili e che ovviamente  non  saranno presenti in futuro”.

“Occorre ora, alla luce della mutata situazione, che la Cassa si faccia carico di  promuovere tempestivamente  una capillare campagna di informazione per rendere più chiare e trasparenti le regole , anche alla luce delle richieste ministeriali, in modo da consentire che gli avvocati scelgano le soluzioni per loro più convenienti e, soprattutto, evitino di pagare per errori commessi da altri”  conclude Perifano.

 

Roma 19 giugno 2014